19 Apr

L'accompagnatore per i corsi baby non è più un problema

Bimbo che non necessita di accompagnatoreE' un problema molto sentito, a volte un disagio non indifferente da gestire in un impianto: stiamo parlando di genitori ed affini, che desiderano sia accompagnare il proprio bimbo negli spogliatoi per svestirlo in vista dell'imminente lezione, sia attenderlo al loro ritorno per asciugarlo e rivestirlo.

In questi casi, oltre ad usare il buon senso ed adottare alcune regole per limitare l'accesso agli spogliatoi (ad esempio impedire l'accesso ai genitori dei bimbi che hanno già la barba) o agire sulla psiche del bimbo (ad esempio esponendo delle vignette accattivanti che facciano insorgere in lui il desiderio di indipendenza), ci si può avvalere dell'aiuto offerto dal controllo accessi di PoolGEST.

E' possibile infatti associare ad ogni anagrafica una tessera RFID per un eventuale accompagnatore, il quale potrà attraversare il varco (tornello, barriere, porta automatica, ecc.) sia assieme al bambino prima dell'inizio della lezione, sia durante e qualche minuto dopo la fine della lezione. Tale tessera non è nominativa, dunque facilmente interscambiabile qualora l'accompagnatore del bimbo sia, di volta in volta, diverso (mamma, papà, nonna, ecc.).

PoolGEST prevede dunque, tra i parametri impostabili nel controllo accessi, una soglia di anticipo per l'ingresso (differenziabile per tipo di attività) e una soglia di tolleranza dopo la fine della lezione (entro la quale l'accompagnatore può accedere ancora per accogliere al rientro dalla vasca il proprio bimbo).

Qualora l'accompagnatore sia già un utente dell'impianto, e dunque già in possesso di una propria tessera di identificazione, è possibile associare a tale tessera anche la funzione di accompagnatore, facendo però attenzione che durante il periodo di lezione del bimbo non vi siano possibili attività concomitanti dell'accompagnatore. In questo caso è necessario l'utilizzo di una tessera ad-hoc.

L'emissione di una doppia tessera, una per il bambino ed una per il suo accompagnatore, dunque si rivela un ottimo metodo di gestione e monitoraggio dell'affollamento dello spogliatoio ed è inoltre un utilissimo deterrente che, prima di richiederla, permette di far ponderare al genitore se veramente c'è la necessità di seguire il proprio bimbo fino allo spogliatoio. Se il desiderio invece è quello di mantenere il controllo dell'accesso agli spogliatoi senza richiedere all'utenza l'acquisto di una seconda tessera, è possibile rinunciare ad emettere la tessera per il bambino che userà per il proprio accesso la tessera del proprio accompagnatore (alla quale sono permessi più ingressi durante l'orario di lezione).

zp8497586rq

© 2007-2019 Siteland - tutti i diritti riservati

Sviluppato da Siteland by Siteland